CAPO HORN ALLA VELA

Viaggiare, navigare per conoscere, per l’ebbrezza dal vento e l’abbraccio del mare che ti prende e nemmeno te ne sei accorto.

Andare perché semplicemente bisogna farlo, per seguire quell’istinto e soddisfare i desideri più reconditi di scoperta, per esplodere di emozione ad ogni burrasca e leggere tra le nuvole i propri pensieri lasciando che le giornate passino scandendo i ritmi di esigenze e bisogni che diventono umani.

Navigare negli oceani.

Guardare negli occhi la propria coscienza per capire fino a dove possiamo spingerci, fino a quanto possiamo osare e restituire alla nostra dignità il valore della semplicità, della spontaneità.

Bernard Moitissier ha vissuto e navigato per questo e fortunatamente ce ne ha lasciato traccia nei suoi scritti, come in questo suo libro Capo Horn alla vela

Chiunque navighi, chiunque si è chiesto almeno una volta perché, non può trascendere da queste letture e prenderne spunto per molte riflessioni personali.

Bernard è stato uno dei marinai più marinai della storia, tutt’uno con le sue barche e con l’oceano, aldilà di ogni convenzione o convenienza, aldilà dei moderni linguaggi: è lui che nel 1969, dopo aver praticamente vinto la regata in solitario intorno al mondo, preferì proseguire il suo viaggio senza arrendersi ai fasti e agli onori che lo aspettavano in terraferma, come scrive in un altro suo grande libro, La Lunga Rotta

Non snobbava, Bernard, né faceva misantropia : ma l’Oceano chiamava e non si poteva non obbedire.

La lettura di queste pagine può portare a capire la vita straordinaria di quest’uomo, la carica di vitalità che lo animava ogni giorno durante ogni rotta tra l’adrenalina di una tempesta e la calma avvolgente della bonaccia.

Ancor di più ci appare chiara la figura di Francoise, che Bernard aveva sposato in Francia e che, pur non avendo alcuna esperienza marinara, accompagnerà suo marito col leggendario ketch Joshua, in un viaggio di 14.000 miglia, divenendo la prima donna della storia a doppiare Capo Horn su una barca a vela.

Un uomo straordinario racconta l’impresa di una donna straordinaria e di come quest’impresa si sia compiuta.

Posted on: 28/03/2011, by : simona