Circolo Velico Desirèe

Questo sabato sbarchiamo in Piemonte e siamo lieti di presentarvi il Circolo Velico Desirèe.

desirèe logoMolto attivo tanto con le scolaresche di elementari, medie e superiori, quanto con i più grandi che vogliono imparare a timonare e ad usare randa, genoa, fiocco e spinnaker, il Circolo velico Desirèe svolge corsi di teoria presso la sede di Torino in corso Moncalieri 422 e pratica nei week-end sui veloci Sintesi 45 (pernottamento a bordo per sette/otto allievi + skipper) con imbarco a Sanremo. In estate si aggiungono le crociere ed in inverno le regate.

desirèe 3Nel 1992 un gruppo di skipper, con  all’attivo parecchi anni di vita di mare e di migliaia di miglia percorse con ogni tipo di barca a vela ed in  tutte le condizioni di mare, unisce le proprie forze per portare alla vela sempre nuovi appassionati. Ogni skipper ed ogni barca ha un po’ una propria caratteristica:

Gianni ed il  Desirèe sono adatti a chi (anche al primo approccio alla vela) vuole imparare tutto senza automatismi e senza paura di un po’ di fatica: tre vele di prua, ancora da mollare a mano, randa da ingarrocciare e scarrocciare ogni volta. E poi “bellissimo”  il timone a barra.

desirèe 1Beppe con Eraora vi offre qualche comodità in più: timone a ruota, salpaancore elettrico, leasy bag.

Sergio su Maxim, offre ancora più comodità con due timoni a ruota e con il contributo della bravissima Fiorella è raccomandato per famiglie con bambini piccoli.

Alessandro con Aspra vi offre il comfort di una grande barca con tre servizi, spazi comodi, ed accessori tali da far rimpiangere poco le comodità di un albergo.

Week end Sanremo – Costa Azzura

I week end  in barca a vela permettono di unire una parte tecnica con una parte turistica rilassante.

desirèe 4L’imbarco il venerdì sera permette di incominciare a prendere confidenza con la barca e con gli altri partecipanti. Il sabato mattina si completa eventualmente la cambusa, poi i principianti imparano a fare i nodi, a conoscere drizza,  scotte, vele e winch. Chi è già esperto si prepara alle manovre più impegnative e si distribuiscono i ruoli a bordo. Dopo la importantissima lettura del bollettino si mollano gli ormeggi, si issno le vele e si inizia a veleggiare con poggiate , orzate, virate e strambate. Verso l’una, quando i muscoli cominciano a protestare, lo skipper sta al timone e il resto dell’equipaggio si gode un po’ di relax  con panini e birra. Si riprendono poi le manovre proseguendo il più possibile a vela e poi (se il vento è debole) si raggiunge un porto in tempo per una doccia calda Nizza o VillefrancheCon un equipaggio allenato si può raggiungere anche Marina di Baja des anges o addirettura Cannes, ma il week end risulta abbastanza pesante. Se il vento è debole e si vuole navigare a vela il più possibile conviene fare meta a Mentone che è più vicina e può essere raggiunta anche con poco vento. Tutte queste località, anche se molto diverse tra loro, sono molto belle e consentono piacevoli passeggiate sia nei centri storici sia lungo costa.

Corsi Speciali per le scuole

desirèe 2La vela, dopo essere stata il mezzo di trasporto più importante nella storia dell’uomo fino all’avvento dei motori, è oggi uno sport tra i più completi e più coinvolgenti. La barca a vela non è solo attrezzo sportivo ma è anche mezzo di locomozione, casa, strumento per vacanze fantastiche a contatto con la natura lontano da traffico e inquinamento. Imparare ad andare a vela non è difficile, ma richiede impegno, costanza, profondo rispetto della natura, del mare, dei fenomeni atmosferici, adattamento a spazi piccoli ed ad una vita che non ha certo le comodità della casa e dell’albergo. In particolare, per i nostri ragazzi, l’attività velica ha una forte componente educativa. In contrasto con la forse troppo comoda vita tra le pareti domestiche, i ragazzi dovranno gestirsi il proprio guardaroba in spazi ristretti, prepararsi le cuccette, organizzarsi per la cambusa preparare i pasti e occuparsi della pulizia della barca, il tutto a stretto contatto dei compagni. La barca è anche una scuola di vita. Nei piccoli spazi di una barca a vela e nelle piccole e grandi incombenze della navigazione si mette a dura prova la capacità di convivenza e ognuno mette a nudo la propria vera personalità. Una giornata in barca a vela è estremamente varia, si alternano momenti di lavoro e di manovre, a momenti di relax e di quiete nell’accogliente tranquillità del porto. Dopo l’imbarco e la sistemazione a bordo si incomincia a prendere confidenza con le attrezzature di bordo, le cime, le drizze, le vele, i nodi. Si procede all’armo della barca e si assegnano i ruoli a bordo. Si mollano gli ormeggi e si esce in mare. Gli allievi si alternano alle varie manovre per issare le vele, regolare le scotte, virare e strambare. Navigheremo lungo costa e potremmo ammirare da una nuova prospettiva uno dei tratti più belli della riviera ligure, con eventuali soste a Marina degli Aregai o a Mentone. A sera, al rientro in porto a Sanremo, dopo il riordino e la pulizia delle barche, c’è il momento del briefing con, scambio di opinioni sulle emozioni e le esperienze della giornata. Si pianifica la lezione di teoria per la giornata successiva, ed in fine arriva il meritato relax.

Posted on: 20/07/2013, by : admin