YEPPON: L’ecommerce made in Lombardia contro Amazon

Yeppon è l’e-commerce di elettrodomestici e tecnologia orgogliosamente italiano, attualmente il 4° player puro per vendita online e sta tenendo testa al gigante americano Amazon.

Tutto nasce dalla passione per la tecnologia e dall’intraprendenza di tre amici con esperienze lavorative sia nel campo della tecnologia che in quello acquisti distribuzione.

«Yeppon» ovvero «Sì (Yep, all’americana), online».

Una sorta di auto-incoraggiamento che i tre amici Danilo Longo, Andrea Bonetti, Cristian Sacchini, tutti provenienti da precedenti esperienze nel mondo del commercio online.

Con tanta voglia di fare, Yeppon nasce nel 2011 come e-commerce di prodotti informatici. Solo successivamente è arrivato a trattare elettrodomestici, casalinghi, giocattoli, materiale per l’ufficio e persino ricambi di moto. Oggi è arrivato ad avere un catalogo di quasi 400 mila prodotti in tutte le categorie del largo consumo, ad eccezione del Food. Lo scopo è quello di continuare a crescere, ampliando sempre di più la gamma per diversificare il business.

Con Amazon la concorrenza è spietata, ma anche con altri player come ePrice, Yeppon cresce a vista d’occhio, tanto da passare nel giro di 5 anni da due a venti collaboratori.

Nei mesi scorsi Yeppon ha acquisito due piccole realtà locali: Coffee Guru, brand del caffè con sede nel Comasco, e Papername, azienda milanese che produce carta da regalo personalizzata. «Ora stiamo lavorando per diventare una piattaforma globale di ecommerce e cashback – spiega Longo –: i nostri clienti, con unico account, potranno acquistare anche su altri negozi online convenzionati e accumulare soldi da spendere sul nostro sito. Abbiamo già in corso alcune trattative».

Cosa permette a questa startup di tenere testa a un mostro come Amazon?

La loro strategia consiste non solo nell’avere prezzi vantaggiosi, ma puntare a offrire qualcosa che Amazon non dà: dal recapito su appuntamento alle diverse modalità di pagamento. Amazon contempla solo la carta di credito? Yeppon accetta pagamenti a rate, con bonifico o assegno.

Si tratta di una strategia di marketing sicuramente vincente, che offre opportunità e servizi al cliente nel migliore dei modi e che permette all’azienda di farsi conoscere attraverso i canali più adeguati. Gli ideatori di Yeppon infatti, sono online attraverso mirate campagne digital, che comprendono investimenti in pubblicità su Google Adwords e Google Shopping e presenza sui social network. Basti pensare che la pagina Facebook di Yeppon raggiunge quasi 100 mila follower. È importante essere presenti sui social in maniera attiva, poichè significa cogliere al volo le circostanze e trasformarle in opportunità di marketing.

Per quanto riguarda il bilancio 2018, Yeppon dovrebbe chiudersi sopra i 42 milioni di euro di fatturato, confermando quindi un aumento del 15%.

La fascia d’età dei clienti Yeppon va dai 35 ai 55 anni e sono tutte persone dotate di un certo portafoglio, che vivono nelle grandi città come Milano e Roma.

 

L’azienda vende inoltre anche in Germania, Francia e Spagna, realizzando all’estero il 10% del fatturato. Si vuole arrivare al 50% di export entro cinque anni.  Yeppon propone anche di ritirare gli acquisti in oltre 4mila punti Tnt e FermoPoint o nella propria sede.