Cookie Policy CROCIERE DEL VIOLANTE E DEL CORSARO | Ottante
Seleziona una pagina

CROCIERE DEL VIOLANTE E DEL CORSARO

15,00

Enrico Alberto d’Albertis (Voltri, 23 marzo 1846 – Genova, 3 marzo 1932) è stato un navigatore, scrittore, etnologo e filantropo italiano. Il suo spirito avventuroso e curioso lo portò a legare la sua vita al mare e ai viaggi e a farne un modello della cultura scientifica sviluppata specialmente sulla base dei suoi viaggi transoceanici verso rotte esotiche e, al tempo in cui visse, assai spesso poco conosciute.

Fu tra i fondatori del primo Yacht Club d’Italia (nel 1879) e, a bordo del Violante e del Corsaro, i suoi due cutter, viaggiò nel Mediterraneo e nell’Oceano Atlantico, seguendo la rotta intrapresa quattrocento anni prima da Colombo. Raggiunse San Salvador nel 1893, utilizzando gli strumenti nautici da lui stesso ricostruiti su modello di quelli in uso ai tempi del grande navigatore genovese.

Il suo nome è legato ad un castello che porta il suo nome – il Castello d’Albertis – oggi sede del Museo delle Culture del Mondo. Anche suo cugino Luigi Maria d’Albertis, membro della spedizione garibaldina dei Mille, fu un esploratore, botanico e naturalista.

Autore: Enrico A. D’Albertis

Editore: MURSIA

Descrizione

Enrico Alberto d’Albertis (Voltri, 23 marzo 1846 – Genova, 3 marzo 1932) è stato un navigatore, scrittore, etnologo e filantropo italiano.

Il suo spirito avventuroso e curioso lo portò a legare la sua vita al mare e ai viaggi e a farne un modello della cultura scientifica sviluppata specialmente sulla base dei suoi viaggi transoceanici verso rotte esotiche e, al tempo in cui visse, assai spesso poco conosciute.

Fu tra i fondatori del primo Yacht Club d’Italia (nel 1879) e, a bordo del Violante e del Corsaro, i suoi due cutter, viaggiò nel Mediterraneo e nell’Oceano Atlantico, seguendo la rotta intrapresa quattrocento anni prima da Colombo.

Raggiunse San Salvador nel 1893, utilizzando gli strumenti nautici da lui stesso ricostruiti su modello di quelli in uso ai tempi del grande navigatore genovese.

Il suo nome è legato ad un castello che porta il suo nome – il Castello d’Albertis – oggi sede del Museo delle Culture del Mondo.

Anche suo cugino Luigi Maria d’Albertis, membro della spedizione garibaldina dei Mille, fu un esploratore, botanico e naturalista.

 

Autore: Enrico A. D’Albertis
Editore: MURSIA